Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Stefano Alberti al termine del suo percorso di studi presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università di Tor Vergata in Medicina Fisica e Riabilitativa, ha discusso la Tesi di Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche delle Attività Motoria Preventiva e Adattata dal titolo "Analisi qualitativa dell'impatto psicofisico e sociale del Para-Badminton".

Lo scopo di tale ricerca scientifica è stato quello di valutare in maniera qualitativa i benefici riportati dalla pratica del Para-Badminton in ambito fisico, psicologico e sociale.

Il campione di indagine era formato da 40 atleti professionisti di Para-Badminton, di cui il 25% donne ed il 75% uomini, di età media 37 anni, compresa tra i 14 e i 57 anni e reclutati nel periodo marzo-agosto 2017.

Sono state coinvolte 17 diverse nazionalità, tra cui Singapore, Brasile e Nigeria, la più rappresentata è l’Italia con 12 soggetti.

La Qualità di Vita  è diventata un obiettivo primario della società, in quanto assume una rilevanza ai fini della prevenzione e della tutela delle comunità più deboli, quali anziani e disabili.

Nei soggetti con disabilità, una volta raggiunta la stabilità clinico funzionale, è possibile intervenire con l’Attività Fisica Adattata, che non è un’attività di tipo riabilitativo, ma serve a potenziare le agilità perdute, apportando inoltre numerosi benefici fisici e fisiologici.

Numerose ricerche scientifiche hanno dimostrato che, l’attività fisica adattata, misurata tramite la Scala di Valutazione della Qualità di Vita SF-36 e il WHOQOL-Bref, apporta benefici significativi in ambito fisico, psicologico e delle relazioni sociali e personali.

Tra i molti sport che costituiscono valide opzioni per un’attività fisica adattata il Para-Badminton è sicuramente uno sport ancora poco conosciuto e studiato.

Agli atleti è stato sottoposto un questionario, ideato in collaborazione con i medici del dipartimento di Medicina Fisica e Riabilitativa del Policlinico Universitario Tor Vergata di Roma e tradotto in lingua inglese e lingua spagnola per gli atleti internazionali.

Dal questionario emerge che la maggior parte degli atleti ha conosciuto questa attività attraverso eventi sportivi o tramite dei contatti personali, solo un intervistato invece ne è venuto a conoscenza tramite una struttura riabilitativa.

La maggior parte degli atleti è soddisfatta dalla pratica del Para-Badminton e ritiene che abbia un’influenza positiva sulla propria salute.

In ambito fisico, nella quasi totalità dei casi, si rileva un incremento dell’agilità, capacità di reazione, coordinazione, della forza e tono muscolare e della resistenza.

A livello psicologico migliora l’autostima, la fiducia in se stessi e riduce sentimenti quali ira, stress, depressione ed ansia.

Infine in ambito sociale è stato rilevato un miglioramento soprattutto nella vita di relazione e nello svolgimento delle attività di vita quotidiana.

Pare quindi che il Para-Badminton possa essere uno sport che apporta numerosi benefici sia in ambito fisico, che psicologico e sociale. La sua pratica potrebbe incidere notevolmente sulla Qualità di Vita delle persone con disabilità.

Pertanto è opportuno effettuare opere di sensibilizzazione, informazione e partecipazione soprattutto nelle strutture riabilitative che costituiscono un importante punto di riferimento per i soggetti con disabilità.

Per visualizzare la Tesi: click here

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ $(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"}); }); jQuery.urlShortener.settings.apiKey='AIzaSyB9Z_0jbJ4-cZAis8KkEgZE2iGWFTQd8nE'; jQuery.urlShortener({ longUrl: "", success: function (shortUrl) { //shortUrl -> Shortened URL jQuery("meta[property='og:url']").attr('content',shortUrl); href=jQuery("#twitterhref").attr('href'); jQuery("#twitterhref").attr('href',href+'&url='+shortUrl); }, error: function(err) { alert(JSON.stringify(err)); } }); jQuery.urlShortener.settings.apiKey="AIzaSyB9Z_0jbJ4-cZAis8KkEgZE2iGWFTQd8nE"; jQuery.urlShortener({ longUrl: "http://badmintonitalia.it/news/fiba/5327-para-badminton,-una-tesi-di-laurea-sull%E2%80%99-impatto-psicologico-e-sociale.html", success: function (shortUrl) { //shortUrl -> Shortened URL jQuery("meta[property='og:url']").attr('content',shortUrl); href=jQuery("#twitterhref").attr('href'); jQuery("#twitterhref").attr('href',href+'&url='+shortUrl); }, error: function(err) { //alert(JSON.stringify(err)); } });